I casali - casini

La maggior parte degli antichi fabbricati presenti sul territorio rurale della regione avevano una destinazione essenzialmente abitativa; gli edifici erano generalmente abitati da famiglie agiate. Tuttavia alcuni casali erano utilizzati per le attività agricole come magazzino per lo stoccaggio delle derrate durante il periodo invernale. Erano inoltre destinati a botteghe o come luoghi di culto. I Casolari sono altamente rappresentativi dell’articolazione storica ed antropologica del territorio e, per tale motivazione, rivestono un elevato interesse dal punto di vista storico-documentale ed urbanistico. Generalmente la tipologia edilizia si rifà allo schema a corte anche se alcuni fabbricati rurali presentano una pianta rettangolare con l'impianto tipico dei casolari del ‘700-800.

L'intervento di recupero dei casolari è caratterizzato da un restauro conservativo che interpreta fedelmente le peculiarità senza alterare la struttura dell’edificio, adattandolo contestualmente a nuovi scenari. Tra questi:

  • il Casino Cappuccilli del Comune di Ripabottoni (CB);
  • il Casale San Benedetto di Montagano (CB);
  • il Casolare con annesse fontana e vasca del Comune di Montefalcone nel Sannio (CB);
  • la Casa a corte in Pescolanciano (IS);
  • il Palazzo Ferri nel Comune di Filignano (IS);
  • il Palazzo Montalbò, situato nel centro urbano del Comune di Casalciprano (CB);
  • il fabbricato rurale, in località Colle Caviglia del Comune di Castelmauro.

Realizzato da . Copyright 2001-2018.